Benedetta Pallavidino

Classe 1992, consegue la laurea Triennale in Lettere Moderne con tesi in storia e critica del cinema nel 2014, e quella magistrale in Letterature e spettacolo, con tesi in critica cinematografica nel 2017 presso l’Università degli Studi di Genova. E’ vincitrice del Premio Adelio Ferrero 2015 nella sezione Recensioni, e nel 2017 del Premio Franco La Polla per i giovani critici cinematografici. Dal 2017 è organizzatrice del Festival Adelio Ferrero, Cinema e Critica, e collabora con diverse riviste online, tra cui Birdmen Magazine e Art a part of culture. Fa parte della redazione di Limina. Da un paio di anni si occupa anche di editoria: è editor freelance e consulente letteraria. Tra gli autori da lei seguiti ci sono: Achille Mauri, Carla Milesi di Grésy. Giulietta Revel ed Emilia Bianchini. Pubblica nel novembre 2019 con Mimesis Edizioni una monografia sul cinema di Yorgos Lanthimos, Anestesia di solitudini, scritta insieme al critico Roberto Lasagna.

  • Comma 22

    Per gli occhi di nessuno. I corpi speciali di Francesca D’Aloja

    Ci sono persone che ci segnano, ci cambiano, ci aiutano a crescere. Francesca D’Aloja li chiama corpi speciali e sono il centro del suo nuovo libro – Corpi speciali, appunto – edito da…

    Ci sono persone che ci segnano, ci cambiano, ci aiutano a crescere.…

  • Comma 22

    La vita degli altri. 41 ritratti con bonus track

    Tre è il numero perfetto nella simbologia cristiana, nella teoria della ripetizione – quella usata in teatro per cui un’azione per avere effetto, prima di essere compiuta deve essere ripetuta tre volte –…

    Tre è il numero perfetto nella simbologia cristiana, nella teoria della ripetizione…

  • Camera Obscura

    Le donne in fiamme di Céline Sciamma

    Céline Sciamma entra in sala all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano accolta da uno scroscio di applausi: un centinaio di persone si uniscono in una standing ovation che denota quanto la visione di…

    Céline Sciamma entra in sala all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano accolta…

  • Camera Obscura

    Yorgos Lanthimos, il tempo della sostituzione

    Come si diventa autori nel cinema contemporaneo? Sperimentando, contorcendosi, spingendosi oltre se stessi, provando ogni strada possibile. Dal minimalismo quasi avanguardista di Kinetta (2005), ai successi festivalieri di Kynodontas (2009) e Alps (2011),…

    Come si diventa autori nel cinema contemporaneo? Sperimentando, contorcendosi, spingendosi oltre se…