Fuani Marino

Fuani Marino nasce a Napoli nel 1980. Dopo gli studi in psicologia a Roma, frequenta un master in comunicazione. Ha collaborato a lungo con il Corriere del Mezzogiorno e dal 2008 è giornalista pubblicista. Suoi articoli sono apparsi su Flash Art, Rivista Studio, Il Tascabile, Il Foglio. Nel 2017 esordisce con Il panorama alle spalle (Scatole Parlanti)  e nel 2019 pubblica Svegliami a mezzanotte (Einaudi), con il quale ha vinto il Premio Amadei.

Comma 22

I matti sono i nostri fratelli. Parola ai pazienti

Esiste tutta una narrazione tossica intorno alla malattia mentale, che confonde i piani e continua a non chiamare le cose con il loro nome. L’origine di questo atteggiamento si perde indietro nel tempo,…

Esiste tutta una narrazione tossica intorno alla malattia mentale, che confonde i…

Comma 22

La lingua della malattia. Bianco è il colore del danno di Francesca Mannocchi

Qualche anno fa, nel periodo in cui dentro di me si affacciava l’idea di scrivere della mia esperienza ed esistevano ancora le presentazioni di libri, partecipai a un incontro con Alessandra Sarchi. Lo…

Qualche anno fa, nel periodo in cui dentro di me si affacciava…

Camera Obscura

Io non sono un architetto, sono un drago. Le piccole fantasie quotidiane di Alessandro Mendini

A due anni dalla scomparsa di Alessandro Mendini, il Museo Madre dedica una grande mostra all’opera dell’architetto e designer. Quelle allestite fino ad aprile sono piccole fantasie quotidiane, come il titolo della grande…

A due anni dalla scomparsa di Alessandro Mendini, il Museo Madre dedica…

Comma 22

Una casa abitata dalla catastrofe. Il contagio interiorizzato

Sul finire dello scorso inverno – durante il lockdown – ho cominciato ad avere alcune idee fisse. Forse era colpa dei mesi in apnea nelle nostre case mentre fuori impazzava un evento senza…

Sul finire dello scorso inverno – durante il lockdown – ho cominciato…

Comma 22

Lo stato di grazia del perdono. I colpevoli di Andrea Pomella

Ci sono padri che feriscono, che deludono, che si impongono incutendo timore. Ma che la figura paterna sia ingombrante o assente, in ogni caso lascerà un segno. Il nuovo romanzo di Andrea Pomella,…

Ci sono padri che feriscono, che deludono, che si impongono incutendo timore.…

Comma 22

Scrivere la pelle. Il corpo come personaggio letterario

La distinzione cartesiana fra mente e corpo deve aver contribuito a far sì che quest’ultimo, con le sue funzioni, fosse bandito per lungo tempo dalla letteratura, come argomento sconveniente o non degno. Eppure,…

La distinzione cartesiana fra mente e corpo deve aver contribuito a far…