Francesco Saverio Marzaduri

Francesco Saverio Marzaduri nasce nel 1977 a Bologna, dove si laurea in Storia e Critica del Cinema presso il Dipartimento di Arte, Musica e Spettacolo. Organizzatore di rassegne cinematografiche dal 2001, collabora con varie riviste del settore, tra le quali Cineforum, Carte di Cinema, Ciao Cinema, Da Bice si dice, Uzak, Asia Express – Cinema est-astiatico e oltre e Orizzonti culturali italo-romeni. Nel 2012 pubblica il volume Noul Val – Il nuovo cinema romeno 1989-2009 (CLUEB). Dal 2013 al 2019 si occupa della didattica e selezione nella programmazione del Sedicicorto International Film Festival di Forlì, e sempre a Forlì, dal 2015, collabora con la rassegna di Cinema Africano L’incontro atteso. Dal 2016 collabora al catalogo dell’Asian Film Festival e per quello del Lucca Film Festival e Europa Cinema, nel 2017, firma un saggio su Cristi Puiu. Partecipa, infine, al numero 12 di Inland – Quaderni di cinema dedicato a Carlo Verdone, edito da Bietti.

Camera Obscura

Phenomena(le): un ricordo di Daria Nicolodi

Le ricordiamo ancora tutti le sue grida, strazianti e superflue, nell’epilogo di Tenebre, dopo che involontariamente trafigge a morte con una scultura lo scrittore omicida Anthony Franciosa. Così come le premurose e ambigue…

Le ricordiamo ancora tutti le sue grida, strazianti e superflue, nell’epilogo di…

Camera Obscura

Frontiers, i (poli)sensi horror degli anni zero

Xavier Gens, Pascal Laugier, Alexandre Bustillo e Julien Maury, Alexandre Aja, Gaspar Noé, Hélène Cattet e Bruno Forzani, Fabrice du Welz, Xavier Palud e David Moreau. Davvero ghiotto e assortito, tra registi e…

Xavier Gens, Pascal Laugier, Alexandre Bustillo e Julien Maury, Alexandre Aja, Gaspar…

Camera Obscura

Heartbreak Linda. In ricordo di Linda Manz, adottata dallo schermo

Quando a Venezia, diciott’anni fa, mi capitò d’intervistare gli autori di Rosy–Fingered Dawn – Un film su Terrence Malick, presentato nella sezione “Nuovi Territori”, una delle domande riguardava un volto, quello di Linda…

Quando a Venezia, diciott’anni fa, mi capitò d’intervistare gli autori di Rosy–Fingered…

Camera Obscura

Alan Parker, le favole del riscatto sul rapido di mezzanotte

«Una volta un critico mi ha descritto come un fascista estetico.»Alan Parker Strano che nel cumulo di tributi e accorati omaggi ad Alan Parker, scomparso il 31 luglio, quasi nessuno abbia speso qualche…

«Una volta un critico mi ha descritto come un fascista estetico.»Alan Parker…

Camera Obscura

Carl Reiner, ovvero la lucida follia (comica)

«Devi immaginarti non come un tipo speciale, ma molto ordinario. Se t’immagini come un essere normale e ti fa ridere, farà ridere tutti. Se pensi a te stesso come a qualcosa di speciale,…

«Devi immaginarti non come un tipo speciale, ma molto ordinario. Se t’immagini…