Alessandro Amato

Classe 1990, Alessandro Amato è milanese ma si è laureato a Torino. Al momento scrive per POP – Ilgiornalepopolare.it e Sentieri Selvaggi. Tra il 2013 e il 2016 ha collaborato con Fondazione Cineteca Italiana e poi con Aiace Torino come assistente alla programmazione. Dal 2016 al 2018 ha curato le proiezioni del Dong Film Fest e tuttora firma contributi sul cinema cinese contemporaneo per i cataloghi di eventi a tema. Co-fondatore della casa di produzione Ordinary Frames, soggettista e sceneggiatore. Inoltre, affianca le associazioni CineLab e Lacumbia Film a Torino e tiene corsi di linguaggio cinematografico per E.R.I. (European Research Institute). Dal 2020 è nel comitato di selezione del Torino Underground Cinefest.

Camera Obscura

Fantasmi a corte. Spencer di Pablo Larraín

«Una fiaba da una tragedia vera». La frase in esergo che apre Spencer di Pablo Larraín, presentato alla Mostra di Venezia, ne contiene già tutte le caratteristiche peculiari. Trattandosi di un film ispirato ai tre…

«Una fiaba da una tragedia vera». La frase in esergo che apre Spencer di…

Camera Obscura

L’ombra del sogno. Un altro giro di Thomas Vinterberg

«[…] Perciò, nella fase iniziale, possiamo definire l’Ombra come tutto ciò di cui l’uomo non è consapevole. Man mano che procediamo nell’indagine, scopriamo in genere che essa è formata in parte da elementi…

«[…] Perciò, nella fase iniziale, possiamo definire l’Ombra come tutto ciò di…