Comma 22

Di cosa parliamo quando parliamo di canone. Uno sguardo sulla narrativa italiana degli ultimi vent’anni

Prima di parlare, su invito degli amici di Limina, del discusso “gioco” del Canone, crediamo sia opportuno fare il punto sulle Classifiche di Qualità dell’Indiscreto, nell’ambito delle quali si è svolta la votazione…

Prima di parlare, su invito degli amici di Limina, del discusso “gioco”…

Comma 22

Un’apparente libertà. Le peggiori paure di Fay Weldon

Sembra scritto apposta per questi nostri giorni trascorsi a macerare pensieri. Intanto, il titolo: Le peggiori paure. Poi, quell’illustrazione in copertina: il ritratto di una donna che con mano guantata si copre il…

Sembra scritto apposta per questi nostri giorni trascorsi a macerare pensieri. Intanto,…

Comma 22

L’importante è essere sempre bambini in qualcosa. Un ricordo di Sergio Claudio Perroni

Sergio teneva il suo tempo sottopelle, in una vaga malinconia dello sguardo ridente, e dentro una cassapanca. Lo trasfigurava poeticamente tra le pagine dei suoi libri. E sono libri di rara bellezza e…

Sergio teneva il suo tempo sottopelle, in una vaga malinconia dello sguardo…

Comma 22

Planimetria del caos. Configurazione Tundra di Elena Giorgiana Mirabelli

Una distopia architettonica, un’architettura distopica. Potremmo continuare all’infinito nel tentativo di trovare un’espressione che possa sintetizzare Configurazione Tundra a partire dalle etichette dei generi letterari. La verità, però, è che l’esordio narrativo di…

Una distopia architettonica, un’architettura distopica. Potremmo continuare all’infinito nel tentativo di trovare…

Comma 22

L’esterno chiuso in noi. La letteratura giapponese e l’isolamento

In questa lunga ed estenuante quarantena, come molti altri, ho letto poco e con difficoltà. Le parole mi sembravano sempre troppo fitte: nodi di significati irraggiungibili. Mi mancava l’aria e la letteratura per…

In questa lunga ed estenuante quarantena, come molti altri, ho letto poco…

Comma 22

Prima che tra noi accadesse qualcosa di terribile. Violet e l’inferno di Joyce Carol Oates

«Un tempo ero la preferita tra i sette figli di papà. Prima che tra noi accadesse qualcosa di terribile.» Violet Rue Kerrigan, protagonista del romanzo Ho fatto la spia (La nave di Teseo,…

«Un tempo ero la preferita tra i sette figli di papà. Prima…

Comma 22

Il corpo, la speranza, il silenzio. La peste nuova di Fulvio Abbate

«Sia pure sotto un cielo di smalto turchese, quel venerdì, e per tutto il periodo della peste, la nostra città si sarebbe detta disegnata a matita, con la grafite F, la più dura…

«Sia pure sotto un cielo di smalto turchese, quel venerdì, e per…

Comma 22

Vita oscura e luminosa di Dino Campana, poeta. Un libro nuovo con un cuore antico

La storia del mio libro, Vita oscura e luminosa di Dino Campana, poeta, è una storia molto lunga. Voglio sottolineare subito che si tratta di un libro largamente nuovo, che non va confuso…

La storia del mio libro, Vita oscura e luminosa di Dino Campana,…

Comma 22

Scrivere la pelle. Il corpo come personaggio letterario

La distinzione cartesiana fra mente e corpo deve aver contribuito a far sì che quest’ultimo, con le sue funzioni, fosse bandito per lungo tempo dalla letteratura, come argomento sconveniente o non degno. Eppure,…

La distinzione cartesiana fra mente e corpo deve aver contribuito a far…

Comma 22

Il mistero di Anton Dich in Mamma è matta, papà è ubriaco

«Anton Dich morì ufficialmente di polmonite, seduto in poltrona. Solo. Accadde a Bordighera, l’8 febbraio 1935. Aveva quarantacinque anni. Pace alla sua memoria.»Nei primi vent’anni del secolo successivo, uno scrittore svedese appassionato di…

«Anton Dich morì ufficialmente di polmonite, seduto in poltrona. Solo. Accadde a…