Search
Close this search box.

Fabio Cantelli Anibaldi

Fabio Cantelli Anibaldi è nato a Gorizia il 10 marzo 1962, ma ha vissuto
la seconda infanzia e l’adolescenza a Milano.
Approdato nel 1983, a causa della sua tossicomania, nella comunità di
San Patrignano, ci è rimasto, lungo due soggiorni, per dieci anni,
diventando tra il 1992 e il ’95 responsabile dell’ufficio comunicazione e
stampa della comunità.
Trasferitosi a Torino ha trovato lavoro nel “Gruppo Abele”, dove è
rimasto fino allo scorso gennaio dopo esserne stato, tra il 2020 e il ’22,
vicepresidente.
Nell’associazione fondata da don Luigi Ciotti ha diretto il mensile
“Narcomafie” e, dal 2005, ha curato la comunicazione del fondatore,
attività che continua a svolgere come “free lance”.
Ha anche lavorato a La7 con Gad Lerner a “L’Infedele” (stagioni
2003/2004).
Nel 1996 ha pubblicato “La quiete sotto la pelle” (Frassinelli) e nel
2012, con Carlo Sini, “La verità è un’avventura – conversazioni sulla
filosofia e la vita” (Edizioni Gruppo Abele).
“La quiete sotto la pelle” è stata ripubblicata nel marzo del 2021 da
Giunti con una nuova introduzione e il titolo “Sanpa, madre amorosa e
crudele”.
Attualmente prosegue nel suo lavoro di scrittura e dedica molte energie
agli incontri con gli studenti delle scuole superiori di ogni parte d’Italia
per dialogare con loro su questioni legate all’adolescenza e alle
dipendenze, non solo da sostanze stupefacenti.

Fabio Cantelli Anibaldi

Quando, in passato, mi è capitato di riflettere sul rapporto tra musica e droga, mi sono sempre tornate in mente quelle pagine del terzo libro della Repubblica lette al liceo,

categorie
menu